Le barriere a lama d'aria Frico migliorano il clima ambientale di Vestas

Vestas è un'azienda orientata al risparmio energetico, efficienza lavorativa e ambiente di lavoro salubre per i suoi dipendenti.

Il produttore di energia eolica Vestas ha deciso di installare barriere a lama d'aria Frico presso la sua sede di Ringkøbing per risparmiare energia e impedire l'ingresso di correnti e aria fredda.

Durante la movimentazione dei componenti delle turbine del peso di 32 tonnellate, viene utilizzato l'intero spazio calpestabile della sede, fino alle enormi porte che devono essere aperte per agevolare le manovre. Questo comportava condizioni lavorative non confortevoli ed elevati costi relativi all'energia.

"Non era piacevole per il nostro personale lavorare in quell'ambiente esposto all'aria fredda e alle correnti. La temperatura diminuiva rapidamente e l'intera fabbrica diventava incredibilmente rumorosa una volta aperti entrambi gli ingressi. Teniamo le nostre riunioni di produzione al centro dell'edificio, ma persino lì il vento spazzava via i fogli dalle lavagne", afferma Michael Bjerring Sørensen di Vestas Manufacturing a Ringkøbing.

L'installazione di barriere a lama d'aria Frico su quattro delle porte più utilizzate ha ora risolto il problema. Quando la porta è aperta, dall'ingresso si attiva un flusso d'aria che blocca il vento freddo impedendone l'ingresso mentre i veicoli vi transitano in entrata e in uscita.

"Abbiamo aumentato la produzione da 18 a 25 turbine eoliche alla settimana nel corso degli ultimi tre anni. Questo significa un incremento delle zone di lavorazione per l’assemblaggio delle turbine per l’utilizzo conseguente delle zone collocate vicino alle porte che si aprono e chiudono con maggiore frequenza rispetto a prima. L'efficienza è un fattore importante per la nostra azienda, ma ci prendiamo anche cura gli uni degli altri e siamo costantemente impegnati a migliorare le condizioni sul luogo di lavoro. Le barriere a lama d'aria hanno sortito una risposta positiva inattesa da parte dei nostri 500 dipendenti", afferma Michael Bjerring Sørensen.

Risparmi energetici concreti
Quattordici modelli di barriere a lama d'aria AGS5520, AGS5525, AGIH6024, AGIV6024 e AGIV6030 rispettivamente con riscaldamento ad acqua e senza riscaldamento sono stati installati lo scorso dicembre per proteggere i quattro ingressi e hanno prodotto notevoli risparmi energetici.

"Non siamo in grado di stabilire quali siano i risparmi effettivi per ciascun ingresso, ma ovviamente prevediamo di avere costi del gas molto inferiori per il riscaldamento degli ambienti. Utilizzeremo un quantitativo leggermente maggiore di elettricità ma, guardando ai costi dell'energia nel complesso, prevediamo di risparmiare 50.000-150.000 kWh per porta all'anno. Si tratta di quattro porte differenti e i risparmi dipendono dalla posizione e dalla frequenza con cui vengono aperte. In generale, rimangono aperte da 2,5 a 4 ore al giorno e il vento è più intenso in corrispondenza delle porte rivolte a ovest", afferma Hans Ole Hansen, responsabile dell'ottimizzazione dell'energia per gli edifici Vestas.
  
Le strisce di plastica che in precedenza erano appese agli ingressi nella struttura del gruppo di energia eolica impedivano ai dipendenti di vedere che cosa si trovasse dall'altro lato mentre entravano e uscivano. Una buona visibilità è fondamentale quando si lavora con pesanti componenti delle turbine eoliche.

"Abbiamo sperimentato con le barriere a lama d'aria presso la nostra struttura di energia eolica a Lem per qualche anno ma abbiamo dovuto rimuoverle perché non funzionavano a dovere. Da allora la tecnologia ha fatto grandi progressi e oggi tutti hanno familiarità con le barriere a lama d'aria agli ingressi dei supermercati. Svolgono la loro funzione anche qui e ora ci permettono di risparmiare denaro e rendere il luogo di lavoro più confortevole", afferma Hans Ole Hansen.


DIDASCALIA: Le barriere a lama d'aria sulle porte dello stabilimento Vestas di Ringkøbing bloccano le correnti e mantengono calde le sedi durante i mesi invernali. (Foto: Søren Palmelund)